Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

COPPA ITALIA ALL’INTER

Di Alberto Giannoni

Ieri sera all’Olimpico l’Inter ha centrato il primo dei tre obiettivi stagionali, sconfiggendo una Roma nervosa che ha giocato al di sotto delle proprie capacità. Il gol di Milito ha regalato la Coppa Italia ai nerazzurri, divenuti ormai rivali storici della Roma sia in campionato che nella non meno prestigiosa Coppa Italia.

Per l’inter sembra una partita in salita, perde il suo gioiello Snejider dopo 5 minuti per un brutto fallo di Burdisso (ammonizione per l’argentino che verrà sostituito da Marco Motta durante l’intervallo per eccesso di nervosismo), al posto di Snejider entra Balotelli e si piazza sulla sinistra nel tridente d’attacco. La partita fa immediatamente notare un eccesso di nervosismo generale di compagine giallorossa e ne scaturiscono varie ammonizioni durante il primo tempo da entrambe le parti. Ne conseguono poche occasioni: un contropiede romanista smanacciato all’ultimo da Julio Cesar su Toni e un colpo di testa di poco a lato di Perrotta. L’Inter tiene bene il campo e la Roma fatica a costruire lasciando Toni un pò troppo isolato in avanti, solo Vucinic ha il merito di provare a creare un pò di scompiglio nella ben organizzata retroguardia nerazzurra ma sembra non bastare. “Colpi proibiti” di Mexes a Materazzi prima in area dell’Inter poi in quella della Roma, l’interista sembra tuttavia accentuare entrambe le volte. Inter sfortunata: con Materazzi già ammonito Mourinho manda a scaldare Samuel ma è Cordoba a procurarsi un risentimento e a dover lasciare il posto all’argentino, tuttavia poco dopo, siamo al 40′, la svolta della partita: pallone perso a metà campo dalla Roma, Thiago Motta imbecca Milito che arrivato al limite dell’area incrocia un destro potente e preciso per il gol che vale l’1-0. La Roma sembra accusare nettamente il colpo e neanche gli ingressi di Motta e Totti (lasciato a sorpresa inizialmente in panchina da Ranieri) sembrano dare alla Roma le capacità mettere in difficoltà l’Inter. I giallorossi si rendono quindi pericolosi su palla inattiva: punizione violenta di Totti, impreciso nella respinta Julio Cesar e Juan da due passi sbaglia il tap-in di testa che sarebbe valso l’1-1. Esce uno spento Toni per Menez, Ranieri sembra voler dare maggiore velocità alla manovra ma col passare dei minuti viene fuori solo un tiro ciabattato fuori da Vucinic in ottima posizione e il nervosismo dei giallorossi (grazie anche a un ottimo possesso palla giostrato dall’Inter con i suoi uomini più tecnici). Graziati Taddei e Perrotta (già ammoniti) per due falli da secondo giallo, l’arbitro non può fare a meno di dare il rosso diretto a Totti per un brutto calcione da dietro su Balotelli del tutto gratuito, il capitano macchia cosi del tutto una prova già abbastanza incolore e la sua uscita dal campo a testa bassa è lo specchio del morale del popolo giallorosso, sconfitto in casa da un’Inter meglio organizzata in campo e cinica in fase offensiva.

Il presidente Schifani, che era presente allo stadio, si è congratulato personalmente con i giocatori ma anche con gli organizzatori che hanno svolto un ottimo lavoro evitando così potenziali scontri fra le tifoserie
 
La sfida tra le due squadre continuerà in campionato, per la conquista dello scudetto.

PR: 0

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.