Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Bonus facciate, dall’Agenzia delle Entrate i chiarimenti sul beneficio

bonus facciate

L’Agenzia delle Entrate ha fornito, con la circolare n. 2/E del 14 febbraio 2020, le indicazioni per usufruire del cosiddetto “bonus facciate”, la detrazione fiscale del 90% delle spese sostenute per gli interventi di recupero o restauro della facciata esterna degli edifici esistenti, prevista dalla Legge di Bilancio 2020.

Pubblicata anche una guida che fornisce tutte le informazioni necessarie sugli adempimenti da seguire, sugli interventi agevolabili e sui soggetti che possono accedere al beneficio.

“Il Bonus Facciate è una misura coraggiosa che renderà più belle le città italiane, migliorerà l’efficienza energetica e darà un impulso immediato all’economia. Sono sicuro che sarà un successo e che in molti utilizzeranno questo importante vantaggio fiscale, che è uno dei più alti in tutta Europa e che contribuirà a portare decoro e bellezza nelle aree urbane, nelle periferie e nei piccoli centri”, ha commentato il Ministro per i beni e le attività culturali e per il turismo Franceschini.

2 Responses to Bonus facciate, dall’Agenzia delle Entrate i chiarimenti sul beneficio

  1. catterina pizzardin

    6 Aprile 2020 at 11:00

    Buon giorno.

    chiedevo se era solo per le facciate che danno sulla strada o anche per quelle laterali? grazie

  2. Il Colle Informa

    6 Aprile 2020 at 16:17

    Gentile signora,
    la invitiamo a consultare la circolare a questo indirizzo:
    Circolare 14/02/2020 n. 2/E
    Secondo quanto esplicitato in un portale specializzato:
    Per tentare di fare chiarezza, l’Agenzia delle Entrate ha spiegato che il bonus facciate si applica “sull’involucro esterno visibile dell’edificio, vale a dire sia sulla parte anteriore, frontale e principale dell’edificio, sia sugli altri lati dello stabile (intero perimetro esterno). La detrazione non spetta, invece, per gli interventi effettuati sulle facciate interne dell’edificio fatte salve quelle visibili dalla strada o dal suolo ad uso pubblico”. La circolare esclude espressamente le facciate confinanti con chiostrine, cavedi, cortili e spazi interni”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.