Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Creazzo. Fallimento in atto: il Vergilius all’asta!

Di Caterina FRANCHINA
vergilius-1
4 camere con bagno al piano terra, 34 camere con bagno e 2 suite al piano primo, oltre sala conferenze, bar, ristorante, beauty farm, area fitness, sauna, piscina; il complesso, che viene posto in vendita comprensivo di parte degli arredi ivi presenti, è da ritenersi libero.
E’ ufficialmente in atto la procedura fallimentare che ha posto all’asta, tra gli altri immobili, il meraviglioso complesso alberghiero denominato “Hotel Vergilius”, nel cuore di Creazzo.
I giudizi dai suoi frequentatori sono lusinghieri:
hotel-vergilius-booking booking gli assegna 8.7 punti su 10 con un giudizio che prevale su tutti come principale “FAVOLOSO“.
Per chi lo conosce direttamente come me, avendo organizzato convegni e festeggiato il battesimo della bambina, nonchè avendo da sempre apprezzato l’ottimo lavoro perpetrato dal bravo direttore e dal suo puntuale staff, è ben più che un colpo al cuore che assume diverse sfumature:
occupandomi da anni di consulenza in affari relative a fallimenti e similia, so bene che, un vendita di questo tipo sia un affarone, considerate anche le nuove normative che rendono estremamente vantaggiosi gli acquisti anche al primo tentativo e quindi il rischio è tangibile.
Di cosa sto parlando? Di speculatori puri: se è pur vero che, la struttura continua la sua attività principale malgrado il fallimento, a due passi da Vicenza, la città del Palladio, con il Golf Club come “vicino di casa” e con le sue quattro stelle sicuramente un punto di riferimento per un turismo di tipo medio alto, ha adesso un destino che si apre a risvolti preoccupanti; diversi sono gli alberghi che, ad es. in provincia di Padova (tra tutti ricordiamo la storia dell’Hotel Cristallo) sono presi letteralmente d’assalto da immigrati senza fissa dimora come ricovero e che, oggi, nel caso di specie, visti i tempi e l’attività in crisi, potrebbe dar atto ad una sua determinazione come luogo di accoglienza per i numerosi profughi stanziati anche in Veneto e già presenti a Creazzo.
L’Amministrazione del Primo Cittadino Giacomin, contattata da Il Colle, ha dato ampie rassicurazioni in merito:
ha dichiarato l’assessore Maresca che si stia seguendo con molta attenzione lo sviluppo di questa vicenda in modo tale che non ci siano risvolti che, come altrove, hanno letteralmente ucciso le aspettative dei Comuni e svoltato verso il degrado la qualità della vita dei cittadini, costringendoli alla fuga perfino dalle loro abitazioni. Adesso che sappiamo ci auguriamo che la vendita prevista per il 15 novembre dia i suoi frutti e che il nuovo patron sappia dar lustro e nuova linfa vitale a questa semplicemente sfortunata ed elegante struttura ricettiva.
Intanto rimaniamo vigili e operativi.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.