Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Banca Popolare di Vicenza: e mentre gli uffici esteri chiudono intorno il silenzio

Riceviamo e pubblichiamo.
bpvi
Salve,

Mi chiedo come sia possibile che nessuno scriva un rigo
sulla la chiusura di tutti gli uffici esteri della Popolare di Vicenza.
Solo un trafil;etto sul Giornale di Vicenza.

Questa folle decisione e’ stata frettolosamente spinta e deliberata
durante l’ultimo consiglio del vecchio consiglio della banca.
Stanno chiudendo Shanghai, Hong Kong, Nuova Delhi, New York
Mosca, San Paolo.

Molti penseranno che cio’ sia dovuto alla crisi, a un taglio dei
costi. Ma non e’ cosi’ perche’ questi
uffici sono tutti in forte attivo e cosi’ facendo la banca sta segando
il ramo sul quale sta seduta. Non esisteranno piu’ sbocchi e tutti gli
artigiani vicentini, pratesi e siculi dovranno traslocare a Banca Intesa.

Questa e’ una decisione demenziale presa dal AD Francesco Iorio che
stupisce tutti, per via della sua intrinseca stupidita’. La loro
apertura e’ costata milioni di euro alla banca e lacrime e sangue.
Forse vuol far vedere che taglia i costi, eppure con il suo stipendio
annuo puo’ finanziare gli uffici di Shanghai, Hong Kong, New Delhi e
San Paolo! Ora c’e’ pure Mion che con i suoi 400.000 Euro guadagna
come il primo ministro olandese! Italia paese del Bengodi.

La chiusura e’ gia’ in pieno svolgimento, nel giro di 3/4
settimane tutte le licenze saranno state cancellate presso le
autorita’ competenti nei singoli paesi. Un esempio: gli
uffici di San Paolo e New York hanno dovuto attendere 3 anni per avere la
propria licenza approvata e a meno di 2 anni dalla apertura, questi
chiudono. Anche a livello di paese Italia facciamo una figura penosa, da
veri cioccolatai, oltreche’ ad aver buttato grosse cifre e tanto
lavoro nella
spazzatura.

Gli uffici di Shanghai e di Hong Kong esistono da 16 anni e funzionano
benissimo, come io stesso ho potuto verificare essendomene servito per il
mio lavoro.

Senza questi uffici esteri la Pop Vicenza e’ spacciata e dovranno
licenziare 3/4.000 dipendenti e chiudere filiali ma nessuno pare
preoccuparsi, tutti copncentrati ad abbaiare
contro Zonin e Sorato, che avranno fatto degli errori, ma che avevano un
disegno ed erano in buona fede, come le inchieste giudiziarie alla fine
dimostreranno.

Sono un vostro lettore affezionato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.