Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Gli oggetti più strani dimenticati in aeroporto

oggetti smarriti
Capita a tutti prima o poi di essere distratti e dimenticare qualcosa, soprattutto prima di partire, tra code interminabili in aeroporto e quell’emozione che coglie i viaggiatori pronti alle ferie.

Eppure, a volte, qualcuno ha lasciato oggetti a dir poco bizzarri che, proprio per questo sono entrati a far parte di una classifica di Flightright, davvero particolare. La curiosità di scoprire chi non è più potuto tornare indietro a recuperare ciò che aveva mollato nello scalo, è destinata a non essere soddisfatta, ma il “bottino” ritrovato è sicuramente sorprendente.

Un passeggero, ad esempio, ha preso il suo aereo dimenticando una armatura molto rara che oggi si trova all’aeroporto dell’Alabama, negli Usa. Un sistema di guida per missili, invece, è stato consegnato dal Dipartimento della Difesa americano. In questo caso, però, l’azione è stata voluta in nome della sicurezza.

Non è partita nemmeno l’oca canadese che doveva di sicuro rappresentare un ricordo di viaggio. Impagliata certamente, ma a prima vista non è di sicuro un souvenir comune. C’è di peggio però, perché come nel più fantasioso dei film, una famiglia di Israele diretta a Parigi ha scordato perfino la figlia di 4 anni. Rimasta all’aeroporto Ben-Gurion, è stata imbarcata per la capitale francese poco dopo.

In Sud africa, all’Oliver Tambo, invece, il personale dell’aeroporto incuriosito dall’odore intenso ha trovato un container con oltre mille rettili. Ancora, a Hollywood hanno trovato dei passeggeri in possesso di vasetti di terracotta con frammenti di teschio umano.

Nell’elenco, però, ci sono altri oggetti speciali. Ci si chiede, ad esempio, se abbia ricevuto un miracolo il passeggero che ha lasciato all’aeroporto di Sidney la sua protesi in legno o come l’abbiano presa coloro che non si sono più ritrovati in tasca due tra le gemme più preziose al mondo. La prima riguardava un enorme smeraldo di 40.95 carati e l’altro era un diamante da 5,8 avvolto in un calzino. Un piccolo “tesoro” lo conteneva, ancora, una Barbie nella cui testa si trovavano ben 500 sterline.

Il portale online dedicato ai passeggeri del trasporto aereo che intendono richiedere un risarcimento a causa di voli in ritardo, cancellati o in overbooking, segnala infine un altro caso davvero indimenticabile. Questa volta non si tratta di un oggetto smarrito, al massimo del buon senso. Heather Cho, ex dirigente della Korean Airlines, ha costretto un aereo a tornare al gate di partenza perché uno stewart non aveva servito a dovere le noccioline.

PR: 0

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.