Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Carta. Il lavoro di Marchi fa rivedere l’utile alla Burgo spa


Il lavoro certosino dell’ad Girolamo Marchi ha portato i suoi frutti. Burgo Group, galassia cartaria della famiglia Marchi con sede ad Altavilla e storico nucleo produttivo a Verzuolo (Cuneo), ha chiuso il 2010 con il ritorno all’utile netto, attestato a 2,1 milioni contro una perdita di 12,3 milioni nel 2009.
Il cda del gruppo di Altavilla ha approvato i conti dell’esercizio che ha registrato un fatturato consolidato di 2,4 miliardi, in crescita del 12,9% rispetto ai 2,1 miliardi del 2009, ed un margine operativo lordo di 163 milioni, in lieve calo sui 170 milioni dell’anno precedente.
A fine 2010 l’indebitamento finanziario netto del gruppo è pari a circa 1.030 milioni, con una riduzione di 85 milioni rispetto alla chiusura dell’anno precedente. Il buon livello del cash flow operativo, il contenimento del capitale circolante e degli investimenti tecnici rappresentano – fanno sapere dal gruppo Burgo – le principali fonti di miglioramento della posizione finanziaria netta.
La quantità di carta venduta nel 2010 è cresciuta del 7,9% raggiungendo i 2,59 milioni di tonnellate, con un recupero di circa la metà dei volumi persi tra il 2008 e il 2009.
Hanno contribuito all’andamento positivo il comparto energia, che ha incrementato il fatturato del 52,5% raggiungendo 294 milioni, e il comparto cellulosa il cui fatturato è aumentato del 43,4%. Sul fronte dei costi il gruppo ha dovuto fronteggiare in particolare un significativo aumento dei prezzi delle materie prime, segnatamente delle cellulose. Gli investimenti sono stati principalmente finalizzati al miglioramento dell’efficienza, all’aggiornamento dei sistemi di controllo, nonchè all’ambiente e alla sicurezza. Le prospettive di Burgo Group per il 2011 confermano il consolidamento della redditività ed un’ulteriore riduzione dell’indebitamento finanziario netto.

fonte Giornale di Vicenza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.