Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Fiat di Pomigliano d’Arco:vince il sì ma il 36% degli operai dice no.


Non c’è stata la schiacciante vittoria del sì al referendum all’interno dello stabilimento Fiat di Pomigliano d’Arco,così come auspicato ed “intimato” dall’amministratore delegato Marchionne.
L’accordo impostato da Marchionne è stato fortemente contrastato dalla Fiom-Cgil,mentre le altre categorie sindacali si sono dichiarate a favore. I sì ha raccolto il 62,2%dei consensi (2888 voti) ,mentre il no il 36% (1673 voti). Il sì passa ma non sfonda. Quali saranno le ripercussioni del voto sulle sorti dello stabilimento napoletano? La paura e’ che a fronte di questo risultato la Fiat possa rivedere i suoi piani che porterebbero a non investire i 700 milioni di euro per produrre il nuovo tipo di Fiat Panda.
La Fim-Cisl,la Uilm-Uil ed il ministro del lavoro Maurizio Sacconi esprimono il loro compiacimento per il risultato referendario e auspicano un immediato riscontro da parte della dirigenza Fiat.
Il sindacato che invece ha sostenuto il no, la Fiom, ha ribadito la sua contrarietà all’accordo, ma secondo quanto sottolineato dal segretario della federazione napoletana, Massimo Brancato, apre uno spiraglio di trattativa. “Se la Fiat apre una trattativa e si predispone ad una mediazione che rispetti la costituzione, le leggi dello stato e il contratto, ci sediamo a un tavolo e siamo disponibili a fare un negoziato”, ha spiegato.
Il Segretario della Cisl, Raffaele Bonanni, subito dopo l’esito del voto sottolinea che in questo referendum “ha vinto il lavoro e il buon senso”, mentre il segretario della Uil Campania, Giovanni Sgambati mette in evidenza come “una percentuale così elevata di partecipazione non si era mai registrata in un referendum sulla flessiblità nel settore metalmeccanico”.
Migliaia di famiglie e di persone attendono l’esito e le decisioni con trepidazione ed in apnea. Si toglierà loro l’ossigeno del lavoro?

PR: 0

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.