Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Il Ministro del Lavoro Sacconi a Creazzo: “deve cambiare il modo di fare impresa”


di Aldo SANTORO
Il Ministro del Welfare Mauro Sacconi è intervenuto ieri mattina ad un incontro dal titolo “Veneto – Italia 2020: genius loci” organizzato presso la sede di Performare, società del gruppo Pulitalia, a Creazzo, che ha visto la partecipazione dell’assessore Elena Donazzan e del Direttore di Reteveneta, il giornalista Luigi Bacialli. All’incontro hanno partecipato imprenditori, consulenti del lavoro e dirigenti del PDL. L’assessore Donazzan ha sottolineato l’importanza di un confronto costruttivo tra la politica e l’impresa come elemento di propulsione per lo sviluppo del territorio ed ha illustrato l’importanza di uno strumento innovativo come quello del portale dell’Osservatorio Veneto Lavoro realizzato dalla Regione Veneto al fine di monitorare in tempo reale le diverse opportunità lavorative e l’evoluzione dell’intero sistema.
Il Ministro Sacconi,dal canto suo, ha ribadito la necessità di accompagnare i lavoratori a nuovi lavori e nuove competenze grazie allo sviluppo di una nuova politica della formazione e grazie soprattutto a nuove e moderne relazioni industriali e sindacali. Gli elementi di rinnovamento proposti da Sacconi per una vera risposta alle esigenze del mondo del lavoro e di quello dell’impresa sono: un costante monitoraggio delle competenze presenti sul territorio grazie all’ausilio delle associazioni di categoria; la certificazione di mestiere fatta su basi sostanziali che permette all’azienda di conoscere le reali competenze del lavoratore,un nuovo strumento utile ad accompagnare il lavoratore nel passaggio da un lavoro ad un altro; una formazione di mestiere che non sia solo scolastica ma mirata alle competenze ed al lavoro.
Il Ministro veneto ha sottolineato quindi il fallimento delle politiche di formazione fin qui adottate con qualche accenno allo stress ideologico che ha investito il mondo del lavoro italiano ed ha esaltato la figura del giuslavorista Biagi che poneva ad elemento base dei suoi modelli non le classi sociali ma la persona e le sue proiezioni relazionali tra cui la proiezione del lavoro.
Il rappresentante del Governo ha rimarcato l’importanza di alcune misure adottate in materia di incentivi al consumo,di rottamazione e di detassazione citando l’esempio della detassazione dei campionari al fine di incentivare e sviluppare nuove energie nel settore moda-abbigliamento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.