Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

“BALLANDO SBALLANDO” PER DIRE “SI’ ALLA VITA!”

E’ ancora aperta la ferita per il triste accadimento che ha colpito Treviso nell’edizione 2008 dell’Ombralonga, maratona del vino che ha attirato per anni nella città migliaia di persone e che ha cessato di esistere dopo la morte di un ragazzo padovano alla stazione ferroviaria di Pae­se, che, sotto l’effetto del vino, s’era addormentato lungo la banchina, mentre sopraggiun­geva il treno. Questo evento ha dimostrato, una volta di più, l’urgenza di un provvedimento sostanziale, coinvolgente e pedagogico nel territorio veneto, che riporti il modo di affrontare la vita alla giusta dimensione del divertimento; i numeri parlano chiaro: nel 2007 in loco sono 12 mila le persone che hanno abusato di alcol (+176% in 12 anni); la fascia d’età più soggetta è quella dai 40-49 anni (27,7%), seguita da quella dai 50-59 (24,9%). La Regione Veneto non è mancata all’appello sociale nel nome dei giovani: una scuola di ballo come sana alternativa allo ‘sballo’, allo stordimento provocato dall’alcool o dalla droga”. E’ il progetto “Sballando ballando – Memento Audere Semper” approvato dalla Giunta regionale del Veneto e presentato da Elena Donazzan, assessore regionale all’Istruzione, Formazione e Lavoro.
Leggiamo in una AVN del 22 gennaio 2010:
“Attraverso il ballo, la musica e il canto – spiega l’assessore regionale – vogliamo aiutare a combattere certi comportamenti degli adolescenti negativi se non addirittura illeciti. Il nostro intento è far acquisire le abilità motorie e la sensibilità musicale che il ballo può sviluppare, recuperando così le tradizioni, il rispetto della persona e del proprio corpo”.
“E non solo questo. Ci sono infatti anche il gusto ed il piacere dell’ascolto, dell’improvvisazione e della creatività che si esplicano attraverso la musica e la danza”, precisa Elena Donazzan.

La Regione del Veneto ha stanziato, per questa seconda edizione dell’iniziativa dell’associazione “Sballando ballando”, un contributo di 50 mila euro.
Il progetto, della durata di quattro mesi, coinvolgerà le province di Vicenza, Padova e Treviso, coinvolgendo circa quattrocento ragazzi del biennio finale delle superiori.
Saranno proposti balli di coppia (tango argentino “rioplatese” e balli caraibici: salsa, merengue, bachata) e balli di gruppo. Da ottobre ad aprile si svolgeranno nelle varie zone le lezioni, cui seguiranno tre semifinali per giungere alla finale, alla presenza di tutti i ragazzi, il 24 aprile 2010 a Bassano del Grappa (Vi).
Riusciranno i giovani a portare sulla pista da ballo l’assessore Donazzan? Di certo finchè l’azione politica verrà condotta con tale arguzia, sarà l’unico modo per “farle fare un caschè”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.