Socialize

RSS Feed

Elezioni politiche a Creazzo. Su facebook scoppia la bagarre

Di Aldo SANTORO e Caterina FRANCHINA

teresa piccoli

Il tempo stringe e le prossime elezioni amministrative non conoscono tregua nella campagna elettorale.
E’ così che oggi a lanciare l’urlo di guerra su è stata l’assessore all’ecologia in carica Teresa Piccoli.
La querelle riguarda in particolare “Creazzo nel cuore” e il programma che prevede l’abolizione dell’assessorato del buon esponente della Giunta Giacomin.
A fronte del del lavoro svolto di cui la leghista chiede conto e ragione, una volta di più perchè scelta come assessore esterno e quindi non eletta ma nominata, risponde (anche lei indefessa) la Rigoni:

“Assessore Piccoli se vuole avere dei chiarimenti sono a disposizione. Le nostre sono iniziative civiche e quindi scollegate dalle iniziative nazionali. Con la campagna delle “case chiuse” abbiamo voluto mettere in luce un problema, idem per la campagna del “parco Molini” e pare che ci siamo riusciti visto che avete cambiato gli orari. Per quanto riguarda il taglio di un assessorato è una proposta di Creazzo nel cuore per tagliare i costi. I temi sicurezza ed ecologia andrebbero assegnati ad altri assessori, che correranno di più, tutto qui. Se vuole conoscere il nostro programma gliene faccio avere una copia di modo che le possa risultare più chiaro il progetto che abbiamo in mente. Vogliamo crescere sulle nostre gambe e tutte le iniziative che facciamo non hanno base politica su iniziative di altri. Rimango a disposizione e con l’occasione auguro a tutti i candidati un grande in bocca al lupo. Vinca il migliore! Buona giornata.”
Interviene anche Simone Maccà, in aperta polemica con la Giunta in carica dopo la questione Carmela Maresca-Lega, messa a tacere dal Sindaco e dalla Piccoli:
“e’ dura abbandonare la poltrona…..”, il suo serafico commento rivolto all’ex Segretaria della Lega Nord locale.
Facciamo un pò il punto della situazione:
il 07/06/2009 Giacomin veniva eletto con 2315 voti e si accaparrava 13 seggi, oggi si ricandida per la conferma a Primo Cittadino.
Loretta Zanetti, allora con la lista Crea insieme Creazzo oggi con Idea Comune, appoggia il new deal Elide Biolo.
Escono in via definitiva dalla competizione Bukovitz, Farinello, Pertile ed Obrietan.
Considerando la discesa libera di Berlusconi e lo spacchettamento del Popolo della Libertà in più ragioni politiche (Forza Italia,  NCD e Fratelli d’Italia le più importanti) ed il corposo ricambio nel partito del “de cuius politico” al secolo Bossi Umberto con la nuova leadership Matteo Salvini, detto in Europa “assenteista” per bocca dell’europarlamentare belga Marc Tarabella e, per converso, il vento di rinnovamento del Renzi – Superstar che potrebbe influenzare positivamente l’ascesa di Biolo come Sindaco di linea PD, i giochi sembrerebbero fatti a favore della compagine del  “vecchio” Cattelan.
Sappiamo che in paese però il voto è dato alla persona e sappiamo che conta quanto la gente ti veda per strada a mangiare polvere e fango per il bene comune e non sotto il braccio del politico giusto .

Auspichiamo quindi gli aspiranti governatori vadano fuori dai palazzi e dai sotterranei delle strategie da topi di fogna.

Tutti fuori a rispondere alla gente: mai come adesso c’è bisogno di persone vere al comando!

Non votate scheda bianca, non fate annullare la scheda: scegliete chi vi merita.

Vinca il migliore!! Ad maiora!!!!

PR: 0

Tags: ,

Share This Post

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>