Socialize

RSS Feed

India sotto choc: 20enne “condannata” a stupro di gruppo

Stupro_di_gruppo

I due marò sono solo la punta dell’iceberg di un popolo a cui mancano le fondamenta della concezione umana…

(AGI) – Kolkata (), 23 gen. – Nuovo caso di stupro di gruppo in , questa volta pero’ inflitto come ‘punizione’ alternativa a un’ammenda per una relazione illecita, che la vittima non era in gradi di pagare. I 13 presunti aggressori sono gia’ stati arrestati dalla polizia. La vittima e’ una ragazza nubile di 20 anni di Subalpur, localita’ del Bengala Occidentale 240 chilometri a ovest della capitale statale Kolkata, l’ex Calcutta. Appartenente a un clan induista, la giovane era stata sorpresa ad avere una relazione con un coetaneo di fede musulmana. I due sono allora stati convocati dal consiglio del villaggio, formato da anziani e capi tribu’, che hanno ordinato di legarli separatamente a un albero e li hanno processati. La pena stabilita era una multa da 25.000 rupie, poco meno di 300 euro.Il ragazzo ha accettato di pagare, ottenendo una dilazione di una settimana. La ragazza e i suoi familiari hanno invece affermato di non possedere il denaro necessario, e a quel punto il consiglio ha decretato che fosse violentata dagli altri abitanti per punirla anche del mancato pagamento.
E’ stata cosi’ trascinata in una capanna e stuprata a turno da 13 persone, finendo poi all’ospedale dove ha identificato tutti gli aggressori, compreso il capo villaggio, che sono cosi’ stati arrestati e andranno a processo per direttissima oggi stesso.
Un mese fa era caduto il primo anniversario del clamoroso caso di violenza carnale che ha traumatizzato l’opinione pubblica indiana e internazionale: quello relativo alla studentessa 23enne aggredita a New Delhi da un gruppo di balordi, seviziata a lungo e infine gettata giu’ da un autobus.
La giovane era morta in ospedale a Singapore per le tremende lesioni riportate, dopo quasi due settimane di agonia. (AGI) .

PR: 0

Tags: ,

Share This Post

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>