Socialize

RSS Feed

Applichiamo l’IVA sul prodotto commerciale Renzi

berlu e renzi
Di ALDO SANTORO E CATERINA FRANCHINA

Ai cittadini non servono le preferenze ma sicuramente il pelouche Renzi in tutti le case..

Non c’è niente da dire Renzi è un prodotto che funziona;
piace a tutti (visto che non pongono alternative);
nel 2010 quando Berlusconi lo incontrò ad Arcore,il cavaliere non ebbe remore ad affermare “tu sei come me!”
Ed ora un pò come Peppa Pig nel cuore dei bambini, lui, Renzi, si è impossessato del grimaldello della politica e sembra diventare oro tutto quello che tocca. Passano i giorni e diventa sempre più protagonista della politica rubando  la scena a tutti, Letta compreso, che da uomo con le palle d’acciaio e’ diventato simile al gattino arruffatto della vecchia pubblicità della Barilla gattino

e fa quasi un pò pena: nessuno nè parla e nessuno gli parla, temiamo neanche la moglie, presi tutti dalla Renzi mania.
Perfino “gli scagnozzi” della stampa di partito, Sallusti e Belpietro sono “scesi in campo” al suo fianco: addirittura lo esaltano come uomo di ampio respiro, da difendere perchè le magistrature di sinistra sono già sul piede di guerra, unico perchè ha saputo parlare con l’avversario, scendere a patti con lui, cedendo solo per l’insignificante particolare delle preferenze sulla scheda elettorale (altrimenti come potrebbe reiterarsi il gioco delle preferite) di cui la gente sembrerebbe non farsene nulla,

come aggiunge il volto nuovo FI Cattaneo, Sindaco di Pavia, il più amato d’Italia. cattaneo
“Ho chiesto ai miei cittadini 4 nomi che voterebbero se avessero le preferenze e loro non mi hanno saputo rispondere”, dichiara il Primo Cittadino Lombardo, come a dire che la gente non segue la politica, ha altri pensieri primari e quindi tanto vale che ci pensino loro a nominare chi giova.
A proposito di primari-e: il buon Renzi, prodotto commerciale che piace a tutti vorrebbe rendere le primarie obbligatorie per legge per bypassare il veto di papà Silvio (più nonno dopo le ultime foto apparse sul Sunday Timesberlusconi-1); quindi, ricapitoliamo:
il popolo italiano non serve abbia le preferenze perchè non sa che farsene. Se proprio le vuole c’è una soluzione, le primarie.
Se vuole votare il suo candidato dovrà effettuare la sua scelta pagando 2 euro presso le sedi del proprio partito/movimento di riferimento se tutto mantiene la struttura, ipocrita del PD.
Ovviamente è chiaro che c’è qualcosa che non va: uno delle parti in causa pensa che l’altro sia privo di uso delle facoltà mentali.
Ma c’è il buon Renzi pronto a mettere tutto a posto, il pelouche che la gente vorrebbe per casa come portafortuna, o la nuova foto da mettere invece di quella del Papa o del Presidente Napolitano negli uffici pubblici.
A proposito di Napolitano, ha dichiarato: “… si colloca la necessità di pervenire al più presto all’approvazione di riforme istituzionali che rendano il nostro ordinamento più idoneo […]. Solo così sarà possibile sperare in un progressivo riavvicinamento alla politica da parte dei cittadini”, Fonte Reuters; quindi ok all’Italicum idea di Renzi e Berlusconi in simbiosi (erede inutile e ipocrita del Porcellum), neanche una parola, anche lui sulle preferenze. Il Presidente degli Italiani dimentica gli Italiani e dopo i tecnici, i saggi e le larghe intese non ha ancora imparato che “il più bel tacere non fu mai scritto”.
Tranquilli cari lettori de’ Il Colle Informa, c’è Renzi: nato alla Leopolda, cresciuto al Nazareno e pronto a Palazzo Chigi. Viene da sorridere pensare lo abbiano paragonato a Craxi, come spirito decisionista e riformatore, speriamo non finisca, anche lui in fuga ad Hammamet.. Ma a lui non può accadere, lui ha un amico in più, Goldrake goldrake
Messaggio speciale per Enrico Letta: visto che il prodotto commerciale Renzi funziona così bene noi applicheremo l’Iva sulla sua fruizione. Piace a tutti, vuoi che gli italiani che pagano due euro per sceglieri i nominati dalle Segreterie, rifiutiano di pagare un altro obolo di lusso? Grande Renzi, sei il super eroe del domani parlamentare, ci salverai dall’inferno, tanto resusciti già i morti ed il tuo prossimo miracolo sarà farne un Padre della Patria.

PR: 0

Tags:

Share This Post

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>