Socialize

RSS Feed

BERLATO (PPE-FI): MOVIMENTO 9 DICEMBRE HA DATO SEGNALE IMPORTANTE CHE NON VA DISPERSO

forconi

“Le proteste che dal 9 dicembre hanno visto migliaia di persone scendere in strada per manifestare un malcontento diffuso in larghe fasce della popolazione colpita da una crisi sempre più asfissiante, rappresentano un segnale importante che non può rimanere inascoltato” questa la posizione dell’on. Sergio Berlato, Deputato al Parlamento europeo, più volte ribadita negli ultimi giorni in merito alle diverse forme di protesta messe in atto da cittadini che sotto il tricolore hanno voluto far sentire la voce di quell’Italia che non ce la fa più e chiede un radicale cambio di rotta.

“I cittadini vogliono vedere i fatti – prosegue l’europarlamentare – con le agitazioni di questi giorni, rimaste per fortuna pacifiche, il Paese ha visto la faccia di una sofferenza che non poteva essere più nascosta ed alla quale non è più possibile voltare le spalle”.

“Ora è il momento di trasformare in proposta la protesta che finora ha goduto del favore e della solidarietà di gran parte degli italiani, perché altrimenti, proseguendo ad oltranza con i presidi che intralciano la circolazione, prevarranno i disagi creati rispetto alla bontà delle motivazioni. A Roma e non alle uscite dell’autostrada sta chi ha il dovere di trovare soluzioni”.

Sui temi sollevati durante le manifestazioni e sulla necessità di un Governo maggiormente sensibile ai problemi dei cittadini, l’europarlamentare è netto: “Corruzione nella pubblica amministrazione, costi spropositati e non più sostenibili della politica, burocrazia asfissiante che soffoca imprese e cittadini, disoccupazione a livelli record ed assenza di misure economiche adeguate per rilanciare la crescita, sono i temi che vanno affrontati immediatamente. In particolar modo da chi è titolato ad intraprendere azioni utili alla risoluzione, se non di tutti, almeno di qualche problema. Sentir parlare di riforme ogni giorno senza farne nemmeno mezza non è più tollerabile”.

 

PR: 0

Tags:

Share This Post

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>