Socialize

RSS Feed

Ultimo tango di dignità: venga cancellato il film di Bertolucci dalla storia del cinema italiano

ultimo tango a parigi

Di Caterina FRANCHINA

Finchè esisterà gente come questa non potremo mai sperare in un mondo migliore non solo per le donne ma per gli uomini tutti.

La notizia rimbalzata in questi ultimi giorni è una di quelle che inferocisce come la violenza sui bambini, le guerre senza ragione, le politiche dei magnaccioni: ho il sangue che mi ribolle e non riesco a pensare che questa sia passata come arte o che qualcuno abbia potuto fare certe dichiarazioni senza ricevere un pugno in un occhio o uno sputo in piena faccia.

Già perché un premio oscar, minuscolo ominide del cinema italiano, ha potuto permettersi di rendere nota, una sorta di violenza “artistica” con non curanza, come fosse normale e necessaria, verso un giovane corpo che nel nome della fama poteva anche esautorarsi di ogni dignità nei fatti.

Il regista ha confessato che la famosa scena in cui Marlon Brando (Paul) usa il burro per poi avere un rapporto anale con la giovanissima (Jeanne), che a quei tempi aveva solo vent’anni, è stata una cosa improvvisata sul momento senza che l’attrice sapesse nulla. “L’idea è venuta a me e a Brando mentre facevamo colazione – ha rivelato – A un certo punto lui ha cominciato a spalmare il burro su una baguette, subito ci siamo dati un’occhiata complice”.

Che pena, che rabbia, che frustrazione!!! E pensare che Maria Schneider, scomparsa nel 2011 a 58 anni per un cancro ai polmoni, aveva più volte raccontato la verità fino a sfogarsi nel 2007 in un’intervista al Daily Mail:” Quella scena non era prevista nella sceneggiatura. Io mi sono rifiutata, ma poi non ho potuto dire di no. Avrei dovuto chiamare il mio agente o il mio avvocato perché non si può obbligare un attore a fare qualcosa che non è nella sceneggiatura. Ma all’epoca ero troppo giovane, non lo sapevo. Così fui costretta a sottopormi a quella che ritengo essere stata una vera violenza. Le lacrime che si vedono nel film sono vere. Sono lacrime di umiliazione”.

La differenza di genere delle donne è frutto di gente così che gira indisturbata senza vergogna nella società senza mai aver conosciuto il benché minimo senso del pudore.
Ricordiamo che Bertolucci fu il 27 settembre 2009 tra i firmatari dell’appello rivolto alle autorità svizzere per il rilascio del regista Roman Polanski, detenuto in attesa di essere estradato negli Stati Uniti, a sua volta accusato di uno stupro di una tredicenne, Samantha Geimer. Tra colleghi….

Un atto forte di condanna darebbe un richiamo superbo verso una civiltà troppo volte smarrita nel nome o meglio nello pseudo diritto di certa gente di sentirsi autorizzata a far tutto in quanto ricca, famosa, importante e quindi al di fuori non solo della legge di Stato ma delle regole che argomentano in maniera morale il vivere tra uomini.
Ultimo tango a Parigi non deve essere più presente in nessuna videoteca italiana, né mai trasmesso in tv: censuriamo la violenza perché certi pruriti si consumino solo nelle fantasie fine a se stesse delle mura di un bagno domestico e mai più verso altro individuo che a causa di ciò smetta di essere persona.

PR: 0

Tags: , ,

Share This Post

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>