Socialize

RSS Feed

MARIA CRISTINA CARETTA A ZAIA: INTERVENGA SUI CERVI DEL CANSIGLIO PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI

cacciatori
Di
Presidente Associazione Cacciatori Veneti-CONFAVI

In qualità di Presidente dell’Associazione Cacciatori Veneti-Confavi ho ritenuto necessario scrivere al Presidente della Regione del Veneto, Luca , perchè intervenga tempestivamente per affrontare con serietà il problema del sovraffollamento dei cervi nel Cansiglio.
Risulta alquanto singolare che il Presidente Zaia, nonostante uno specifico piano di contenimento della popolazione di cervi studiato appositamente per l’area del Cansilgio, approvato dalle comunità locali, dalle categorie economiche e sociali, dallo stesso ISPRA, si intestardisca nel vietare un prelievo selettivo di questi animali la cui eccessiva presenza sta provocando enormi danni al patrimonio boschivo, alle colture agricole, alla salute delle persone, mettendo in serio pericolo le stesse popolazioni animali presenti in zona.
Pur conoscendo le convinzioni animaliste del Presidente Zaia, riteniamo non condivisibile il suo approccio a queste tematiche dal momento che la corretta gestione del patrimonio faunistico deve essere garantita sulla base di rigorosi riscontri di natura tecnico-scientifica.
L’approccio ideologico o demagogico non aiuta a risolvere i problemi ma, anzi, contribuisce ad incrementarli.
Come giustifica le sue affermazioni Zaia quando dice che, anzichè effettuare prelievi selettivi sui cervi per contenerne l’abnorme espansione, preferisce pagare gli ingenti danni provocati da questi animali utilizzando risorse finanziarie pubbliche? Non sarebbe forse più giusto, in periodi di così grave crisi economica ed occupazionale, utilizzare l’enorme quantità di milioni di euro necessari a pagare questi danni, utilizzandoli invece per aiutare le famiglie venete in difficoltà o per creare posti di lavoro aiutando le imprese oramai stremate dalla crisi?
Se Zaia si preoccupa dell’ immagine del Cansiglio che potrebbe essere danneggiata dalla notizia del prelievo controllato di alcuni cervi (attività che viene normalmente effettuata in tutti i paesi dai quali provengono i turisti), come farà a convincere i turisti a recarsi in quei luoghi impestati dalle zecche, aumentate a dismisura a causa dell’eccessiva concentrazione dei cervi?
Come si giustificherà Zaia con le famiglie di turisti che vedranno messa in serio pericolo la vita dei loro bambini per effetto della trasmissione della malattia di Lyme fatta veicolare dalle zecche, se il presidente della Regione del Veneto dimostrerà di avere più a cuore la vita di un bambi piuttosto che quella dei nostri bambini?
L’Associazione Cacciatori Veneti- Confavi che ho l’onore di presiedere invita in Presidente Zaia a privilegiare la conservazione dell’ambiente e la corretta gestione del patrimonio faunistico, prima che sia troppo tardi.
La nostra Associazione farà proprie le più che giustificate richieste dei sindaci e delle comunità locali del Cansiglio che richiedono interventi concreti ed immediati.
Se dalla Regione del Veneto perdurerà la dimostrazione di insensibilità verso queste sacrosante richeste, la nostra Associazione chiamerà a raccolta tutte le categorie economiche e sociali che, responsabilmente, saranno invitate a mettere in atto ogni utile azione di protesta per indurre la Regione ad adempiere finalmente al proprio dovere.

PR: 0

Tags: , ,

Share This Post

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>