Socialize

RSS Feed

Solidarietà a Calderoli non nella forma ma nella sostanza

calderoli2
La redazione

Ad essere sinceri questa redazione non capisce l’accanimento nei confronti dell’ex ministro Porcellum-Calderoli. Cosa avrà detto mai?!?! Assomiglia ad un orango? Embè? Vogliamo dire che abbia i lineamenti delicati come Valeria Mazza? Non è niente vero e tanti, compresi coloro i quali si sono riempiti la bocca con parole di orrore, nel loro salottino di casa avranno detto lo stesso ma in un paese di ipocriti patentati come l’Italia, la forma è sostanza e quindi, vai con l’indignazione!!! Più che altro viene da pensare un’altra cosa, immaginate una partita di calcio: la squadra avversaria domina, un giocatore della difesa in difficoltà di fronte all’ennesimo attacco lancia il pallone in tribuna. Non è che Calderoli stia facendo questo per spostare l’attenzione dei media dallo spinoso caso che ha coinvolto Alma Shalabayeva, moglie del dissidente kazako Muhktar Ablyazov, allontanata dall’Italia insieme alla figlia di sei anni lo scorso 31 maggio? Che peso ha in questa vicenda la presunta amicizia fra Silvio Berlusconi e il leader kazako Nursultan Nazarbayev? Chi può dirlo…Siamo seri: in fondo questo ministro cosa ci sta a fare lì? Un Governo pasticcione che ha azzerato i lavoratori vittime della crisi dai 40 ai 50 anni, come il precedente ha fatto con gli esodati, inserisce nel proprio seno una provocazione intrinseca con questa giovanotta di colore che ci parla dei diritti degli altri quando gli italiani non sanno più neanche se abbiano o meno diritto ad un futuro e quindi….Permessa anche la battuta di Calderoli Roberto tra i politici il più provocatore ma anche il più intelligente che ha imbalsato da anni la democrazia in Parlamento con una legge truffa e che una trappola per topi quale “un ministro, assurdo per questi tempi, dell’integrazione” non può certo costringere alle dimissioni. Prima gli italiani, prima il futuro dei figli legittimi di questa terra e poi sì: “aggiungi un posto a tavola che c’è un amico in più…”

PR: 0

Tags: ,

Share This Post

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>