Socialize

RSS Feed

Politiche 2013: Grillo premier, Moggi candidato con S. Craxi, Minetti con Monti..

Annalisaminettifabio

Di Aldo SANTORO e Caterina Franchina
Si sono delineate le candidature per le prossime politiche.
Numerosissimi volti noti si ripropongono per la millesima volta in Parlamento senza neanche un minimo di pudore come se invece della rappresentanza degli italiani si fosse solo al soldo dello Stato come dei parassiti in attesa dell’ennesima non doverosa ma dovuta busta paga. Gli Italiani sono saliti sulla giostra delle promesse e si sprecano i vaffa dei disillusi che ancora hanno il coraggio di alzare la testa prima della definitiva morte celebrale.
Il movimento 5 stelle continua ad essere la concreta speranza della svolta: le uscite dittatoriale di Grillo hanno messo un argine all’esplosione dei suoi, pronti a conquistare lo scranno in Parlamento, con qualche concessione “ai peccati di gola”, alla ricerca del quarto d’ora di celebrità. Ciò che ormai rappresentano, l’incarnazione dei valori (a proposito, finito nei fatti il movimento di Di Pietro), incanta i tanti approfittatori dell’ultima ora o, della penultima, come Favia: cacciato dal movimento ha incassato fama ed una candidatura di Ingroia, il surrogato di Grillo, che come De Magistris ha cavalcato il cavallo del populismo per poi correre da solo alla ricerca non di maggior fortuna, impossibile vista la sostanza del movimento del comico genovese ma di mero protagonismo. Fuori dal seminato dei riformatori veri, della politica del popolo aliena da qualsiasi populismo, ci sono le solite scelte di altre compagini politiche che, ricordano le precedenti che hanno visto la ribalta i vari Dell’Utri, Cuffaro etc. etc.. Una novità assoluta: Luciano Moggi; l’ex dg della Juve sarà il capolista dei “Riformisti italiani” alla Camera.
La conferma arriva dallo staff di Stefania Craxi. L’ex direttore generale della Juventus, al centro dello scandalo di Calciopoli che lo ha allontanato dal mondo del calcio, sarà infatti capolista alla Camera per i “Riformisti Italiani” dell’ex sottosegretario di Stato agli Esteri. La lista dovrebbe presentarsi collegata a quella del Pdl. (come non detto, grande novità politica…)
Candidatura di cuore quella invece di Annalisa Minetti, non Nicole, ben nota ma per altra fama. Da Miss Italia nel 1997 a vincitrice del Sanremo “giovani” nel 1998. Da medaglia olimpica nei 1500m T12 alle Paralimpiadi di Londra 2012 ad uno scranno nella Camera dei Deputati con Mario Monti. Le testate nazionali hanno immediatamente titolato “Anche Monti ha la sua Minetti” ,appunto, ma Annalisa ha poco da condividere con l’ex consigliera della Regione Lombardia tanto cara al vecchio Presidente del Consiglio, il cavalier B..
Tra i premier, all’inqualificabile, parer nostro, Mario Pinocchio Monti, che non si sarebbe mai candidato in politica, che avrebbe da tecnico cambiato la legge elettorale, fatto una patrimoniale sui ricchi etc. etc.., si contrappone Bersani, obiettivamente autore fino ad oggi di un capolavoro di quasi totale coerenza politica, primarie a parte con la riproposizione dei soliti vecchi lupi, uomini di fiducia PD, al momento in testa ovunque ma che comincia a sentire il fiato sul collo di Mr B.: troppo bravo sul piano mediatico, inginocchia tutta alla sua richiesta di attenzione, quando serio e con poca voglia di fare il Latin Lover a tutti i costi, cerca di conquistare la gente a casa come lui solo sa fare, unico, sempre e comunque ed inimitabile, lui, il cavaliere.
Grillo Giuseppe, ce la puoi fare a conquistare il sogno della fantasia al potere: hai capito che i tuoi non sono angeli dalla veste bianca e se tieni strette le redini come hai fatto fino adesso l’educazione politica può diventare Governo REALE. Buon voto a tutti!!!

PR: 0

Tags: , , ,

Share This Post

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>