Socialize

RSS Feed

Retrone: un pezzo della storia di Creazzo


Di A. Santoro e C. Franchina
con la partecipazione di C. Santoro

Sembrano passati anni luce da quando il Sindaco , timido ed impacciato si insediò come Primo Cittadino all’interno del Civico Consesso; adesso nelle vesti di mattatore ieri ha scritto da protagonista un pezzo della storia del nostro Comune. Spavaldo e motivato, ieri ha catturato la folla, forte dall’essere circondato da una Giunta al gran completo (presente anche un ex di spicco quale l’arch. Mengato) e da due uomini di punta non da poco del suo partito, l’on. Paolo Franco e Assessore al Bilancio e agli Enti Locali in Regione Roberto Ciambetti. Sembra proprio che un dialogo privilegiato con la Regione oltre che la contingenza dell’alluvione del 2010 che ha portato soldi sonanti in Comune abbiano portato al compimento di questa sontuosa opera di cui si parlava da anni, perchè sicuramente buona e giusta, ma che nessuno aveva mai avuto la perseveranza e la buona sorte di portare a termine. E’ toccato a Giacomin un capolavoro idraulico e turistico-strategico; è stata creata infatti un’imponente valvola di sfogo con un bacino di raccolta acque che verrà utilizzato in caso di innalzamento del livello del Retrone ai limiti dell’emergenza che negli altri momenti dell’anno verrà utilizzato sul piano naturalistico e sportivo; in aggiunta i due Comuni di Sovizzo e sono ufficialmente collegati da un percorso ad hoc e la presenza del Sindaco Berico Munari, ha ufficializzato questo matrimonio territoriale, in attesa di collegare un ben più ampio territorio da Montecchio a Vicenza. Il taglio del nastro ha sancito l’evento sulle note dell’Inno d’Italia (onore al merito anche per questo al sempre lucido Sindaco Giacomin).
Da non dimenticare la presenza tra il pubblico di Gervasio Cortiana, ex Sindaco, a cui sono stati indirizzate parole di elogio circa l’importante volontà, quando era in carica, di persegeguire l’opera, ormai realtà. I bambini della locale Scuola Elementare hanno completato la festa: 3 rappresentanti hanno letto delle poesie dedicate al fiume Retrone mentre i compagni sventolavano bandierine colorate con una doppia facciata: disegnini dedicati al protagonista (Retrone) e il simbolo di con le 3 conchiglie. Ad maiora!

PR: 0

Tags: , ,

Share This Post

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>