Socialize

RSS Feed

CREAZZO. IMU – UNA IMPOSTA IN DIVENIRE



 

Di

Sembra proprio che la tanto discussa sia una imposta che non ha ancora una dimensione “chiara” . Questa è una delle principali valutazioni uscite durante la partecipata serata proposta dal Partito Democratico per conoscere meglio cosa c’è dietro questa Imposta Comunale Unica. La dott.ssa ha presentato i contenuti, le modalità applicative e le incertezze “legislative” che ci coinvolgeranno da giugno un po’ tutti. Se i proprietari della sola prima casa sono stati rassicurati (l’imposta non si differenzia molto dalla vecchia ICI), ben altra sorte si prevede per le seconde case ( anche quelle in uso gratuito ai figli) e ancor di più per la situazione degli immobili produttivi per i quali le aziende saranno chiamate a significativi sacrifici, in una stagione già difficile per il lavoro ( si parla in alcuni casi di decine di migliaia di euro). Il 50% del ricavato da queste ultime due categorie, non entrerà comunque nelle casse del Comune ma se ne andrà a Roma. , Vicesindaco di Creazzo, è intervenuto presentando le preoccupazioni del Comune per il quale le previste ed incerte entrate rendono difficoltosa la gestione corretta del bilancio. La quantificazione delle entrate è ancora contraddittoria ( da Roma arrivano dati molto inferiori ai preventivati) e le eventuali agevolazioni saranno comunque a carico del Comune. Ha rassicurato i cittadini in merito all’invio a casa dei modelli F24 compilati per il pagamento della prima rata di giugno e ricordato che gli uffici saranno disponibili a fornire consulenza.
Enrico Reginato, Vicesindaco di Monteviale, ha descritto la realtà di Monteviale, raccontando anche delle difficoltà per un comune piccolo a garantire una corretta ed equa tassazione, dopo che negli anni di abolizione dell’ICI sulla prima casa molte abitazioni signorili sono catastalmente diventate “abitazioni popolari”. Alcuni interventi dei presenti hanno poi dato voce alle preoccupazioni dei cittadini. Resta per tutti, in primis il governo, l’incertezza sul dopo-primo acconto, e il dubbio ch si renda necessario rivedere le aliquote del saldo di dicembre per garantire le entrate messe a bilancio.

PR: 0

Tags: , , , ,

Share This Post

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>