Socialize

RSS Feed

W l’ IKEA. Sposta in Italia le produzioni di siti asiatici con 2500 nuovi posti di lavoro.


E’ di poche ore fa la notizia lanciata dalle agenzie internazionali d’informazione che l’,la piu’ grande catena europea di arredamento per la casa, ha deciso di spostare la produzione di molti mobili dall’Asia in Italia.
Riportiamo dall’Agi la notizia.
celebra la ‘Settimana del Mobile’ a Milano confermando il trasferimento di alcune sue produzioni dall’Asia in Italia. Del resto le cifre parlano chiaro: anche nel 2011 la bilancia commerciale fra l’Italia e il Gruppo e’ a favore del nostro Paese. compra in Italia piu’ di quanto vende nei suoi negozi nella penisola: l’8% del volume degli acquisti del Gruppo nel mondo viene effettuato in Italia, ma il mercato italiano copre solo il 7% del volume delle vendite mondiali di . Il 63% degli acquisti di in tutto il mondo proviene da fornitori europei.
Il gruppo ha spostato in Italia, in particolare in Piemonte, alcune produzioni precedentemente allocate in Asia.
e’ alla ricerca continua di possibili sviluppi degli acquisti in Italia che punta ad incrementare” afferma Lars Petersson, ad di in Italia, “Recentemente abbiamo individuato nuovi partner italiani che hanno preso il posto di fornitori asiatici, grazie alla loro competenza, al loro impegno e alla capacita’ di produrre articoli caratterizzati da una qualita’ migliore e a prezzi piu’ bassi dei loro concorrenti asiatici”.
La quota dell’8% sale ben al 34% sulle cucine: una cucina su tre venduta da in tutto il mondo e’ prodotta in Italia.
L’80% degli acquisti di in Italia sono mobili, e solo il 20% complementi d’arredo. Le cucine fanno la parte del leone, ma in Italia acquista un gran numero di prodotti: elettrodomestici, camere da letto, scaffalature, librerie, bagni, ecc. Le prime tre regioni italiane da cui si approvvigiona corrispondono ai maggiori distretti del settore: dal Veneto proviene il 38 % del acquisti in Italia, a cui seguono il Friuli con il 30% e la Lombardia con il 26%. acquista nel solo nordest d’Italia piu’ che in Svezia o Germania La ricaduta occupazionale collegata a queste commesse produttive e’ stimabile attorno ai 2.500 posti di lavoro. Se a questi si sommano i 6.600 dipendenti della rete commerciale e logistica di in Italia e l’indotto generato dai punti vendita, si ottiene una ricaduta occupazionale di in Italia pari a circa 11.000 posti di lavoro.
durante il Fuorisalone di Milano presenta tre novita': la 7a edizione della collezione PS, lanciata per la prima volta proprio a Milano nel 95; Uppleva, il nuovo sistema audio/video totalmente integrato agli arredi e in funzione specifica ad una gestione ottimale degli spazi e degli accessori multimediali; una nuova collezione di tessuti per la casa, il cui impegno creativo si disporra’ sull’arco temporale dei prossimi tre anni.
Italia ha chiuso il 2011 con 46 milioni di visitatori.
A marzo 2011 e’ stato aperto il primo negozio in Sicilia, a Catania. Nel 2012 verra’ aperto, il negozio abruzzese di San Giovanni Teatino (CH) portando cosi’ a 20 i punti vendita in Italia. (fonte AGI) .

PR: 0

Tags: ,

Share This Post

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>