Socialize

RSS Feed

Generazione Futuro: raccolta firme “liste pulite”


Una delle principali cause che ha portato gli italiani alla disaffezione politica e’ proprio l’inaffidabilità dei politici, proprio per questo bisogna saper distinguere chi si e’ servito della politica e chi invece attraverso la politica ha servito il Paese.
Questo distinguo può avvenire attraverso un codice etico che regolamenti chi può e chi no candidarsi e ricoprire incarichi pubblici.
Presentiamo quindi 2 petizioni per far allontanare subito dai partiti, dai movimenti politici e dai pubblici uffici quanti siano stati condannati, anche in via definitiva, per i seguenti reati: associazione per delinquere, anche di stampo mafioso, peculato, malversazione, concussione, corruzione, turbativa degli appalti, frode nelle pubbliche forniture, rapina, estorsione, usura e traffico illecito di rifiuti.
Aldilà delle responsabilità penali individuali, che tocca alla magistratura accertare nel rispetto della presunzione d’innocenza e di ogni altra garanzia processuale, ai partiti spetta il compito di selezionare le proprie classi dirigenti con trasparenza e rigore, sulla base di requisiti di onestà, onorabilità, insospettabilita’, sobrietà e merito, come richiesto dall’opinione pubblica e dalla Costituzione repubblicana.
Obbiettivo 1 milione di firme, proprio per questo Veneto presenterà a giorni le due petizioni e scenderà nelle piazze e tra la gente per fare “pulizia politica”.
Estendiamo l’invito anche agli altri movimenti giovanili ad unirsi alla nostra raccolta firme, per essere proprio noi, generazione del futuro, baluardo di legalità, trasparenza e onesta’.
“La legalità è libertà” Johann Wolfgang Goethe

Coordinatrice Generazione Futuro

PR: 0

Tags: ,

Share This Post

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>