Socialize

RSS Feed

Esclusiva.L’assessore Donazzan risponde ai lettori de Il Colle Informa sull’operazione stana-evasori.


L’ Assessore alle Politiche dell’Istruzione, della Formazione e del Lavoro risponde ai lettori de Il Colle Informa.

“In queste ore il rischio è di confondere la sacrosanta caccia a chi evade con l’ostentata azione da polizia sovietica che si è verificata a Cortina.
I SUV guidati da proprietari che dichiarano meno di un impiegato o intestati ad aziende in perdita o a società di comodo o alla nonna indigente si potevano scovare semplicemente con un normalissimo controllo dei dati. Siamo pieni di banche dati a cui non sfugge nulla in Italia. Gli esercizi commerciali che oggi sono sbattuti in prima pagina perchè il 30 a Cortina hanno incassato percentualmente molto più del giorno prima o dell’anno prima, potevano essere controllati comodamente dall’ufficio dell’Agenzia delle Entrate grazie agli studi di settore a cui sono obbligatoriamente tenuti ad essere “congrui” altrimenti scatta la verifica obbligatoria.
A Cortina invece è andata in scena un’altra storia. Una inutile pantomima di uno Stato che in Veneto non ha certo bisogno di farsi detestare, attraverso una poderosa operazione poliziesca da prima pagina di giornale: 80 agenti fatti calare sulla località turistica nei pochissimi giorni dell’anno in cui si lavora. Dalle 8 della mattina alla pasticceria Lovat, fino alle 2 di notte.Seduti ad un tavolino hanno controllato, interrogato il personale sul proprio contratto di lavoro, sugli straordinari, sullo stipendio, hanno chiesto carte e cartine a giustificazione di tutti i permessi ( e sono una infinità – ULS, comune, camera di commercio, autorizzazioni varie, vigili del fuoco….€. Tutto questo mentre i turisti che finalmente erano arrivati a Cortina per le vacanze facevano colazione, prenvano il caffè, il thè, le pastine da portare a casa. Stessa scena alla pizzeria sotto le Cinque Torri. Il prorietario, un signore educato, ma arrabbiatissimo che mi ha detto subito, sapendo della mia appartenenza politica: ” assessore, non mi parli dell’Italia! Io se riesco, quest’anno vendo e vado in Austria” Lui ha aperto la pizzeria alle 10 e si è trovato davanti alla porta i due ispettori che gli hanno tenuo ” compagnia” fino alle 1.30 di notte. In un altro esercizio, una ispettrice ha deciso, in un momento di calma (per lei) di darsi lo smalto alle unghie…Lo definirei un atteggiamento quanto meno provocatorio.
Un anno orribile il 2011 e si presenta peggio il 2012. Crisi economica, tasse aumentate, niente neve per tutta la stagione fino al 2 gennaio…ergo niente clienti. E perchè Cortina? Non è che si voleva dire agli italiani state tranquilli, vi tartassiamo con le tasse, ma colpiremo anche i ricchi nel loro luogo simbolo e un pò cliché? ….opportunistica operazione per calmare gli animi degli italiani giustamente incavolati dagli arrivi senza sosta di cartelle esattoriali di Equitalia per multe che da 50 euro lievitano a 300, per ritardi nei pagamenti, magari perchè proprio non ce la si fa a pagare, che aumentano sino al pignoramento dei propri beni?
Cortina, perchè già i cortinesi sono incavolati ed erano facili da stuzzicare, non quelli coi SUV , ma quelli che abitano una montagna che seppur la più nota di tutte, sempre montagna è! Difficile, soprattutto per la maggior parte dell’anno, quando non c’è nessuno ed il costo della vita è maggiore per chi resta tutto l’anno. Cortinesi stufi di sopportare la concorrenza sleale permessa dal nostro ordinamento statale, di una montagna di serie A delle Regioni a Statuto speciale con qualche esponente bolzanino a rendere ancora più fastidioso dover sopportare i controlli di uno Stato che discrimina e che è percepito ingiusto, invece che essere autorevole protettore dei propri cittadini.
Ecco perchè da buona Patriota non posso che chiedere giustizia a chi amministra e rappresenta la cosa pubblica e non posso che condannare il fastidioso blitz che è servito solo a far arrabbiare di più il cittadino perbene.
Proprio perchè amo la mia Italia non posso sopportare che sia fatta odiare ad arte. Come quando gli americani bombardavano a Natale le nostre città (Vicenza nel 1944 ne fu vittima con tante vittime tra bambini, donne, anziani), lo facevano con il solo scopo di dare la responsabilità, come ragione di quel bombardamento, al Governo italiano fascista in carica. Così Equitalia bombarda le nostre imprese, i nostri cittadini nel momento più delicato e difficile per far odiare lo Stato che ne è causa….a chi giova? Non confondiamo la giusta soddisfazione di vedere colpito l’arrogante con la super macchina che dichiara meno di noi e che la fa franca ostendando la propria furbizia, con l’ingiusta aggressione alle nostre imprese e ai nostri lavoratori.
Ciascun cittadino può responsabilmente ed in coscienza segnalare, mi auguro non in forma anonima, chi evade. Ciascuno dovrebbe chiedere lo scontrino o la fattura in ogni circostanza. I primi ad essere danneggiati dai furbetti sono le imprese e le persone perbene. Facciamo il nostro dovere, ma non possimo non dire, in assoluta coscienza, che le tasse sono troppe, che con l’ultima manovra la situazione diventerà insostenibile e che probabilmente molto del troppo dovuto allo Stato l’anno prossimo non sarà pagato….e non per furbizia.”

PR: 0

Tags: , ,

Share This Post

One Response to Esclusiva.L’assessore Donazzan risponde ai lettori de Il Colle Informa sull’operazione stana-evasori.

  1. freekamel

    6 gennaio 2012 at 09:07

    Mi chiedo…ma se evadono chi può avere i loro dati salvati? E se fossero immacolati perché avrebbero registrato il 300% di ricevute in più. La verità è che siamo al ridicolo ..nemmeno un rappresentante dello stato difende lo stato stesso nel momento in cui si verifica i suoi cittadini. Oramai ci si fa credere che poverini loro non bisogna disturbarli durante il furto nazionale semmai dopo quando sono travestiti da poveri che prendono meno soldi dei loro dipendenti ai quali lasciano però il compito di tenere in vita lo Stato..prima di parlare é meglio che i politici comincino ad avere in moto il cervello …pagare tutti e pagare meno

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>