Socialize

RSS Feed

La Cisl Vicenza si mobilita contro la manovra Monti.


La CISL è consapevole della difficile situazione delle finanze pubbliche nel nostro paese e del rischio che
abbiamo davanti se questa situazione non viene affrontata e risolta.
Questa consapevolezza ci ha portati, nel corso dell’ultimo anno, ad avere un atteggiamento responsabile e
propositivo sulle possibili strade da intraprendere per affrontare l’emergenza. Abbiamo anche salutato
positivamente la nascita di questo Governo, che si è presentato al paese impegnandosi a conseguire nello
stesso tempo rigore, equità e sviluppo.
Dobbiamo però prendere atto che le prime misure che il Governo ha presentato alle parti sociali
nella mattinata di oggi non vanno nella direzione da noi auspicata.
Ancora una volta il peso del risanamento grava esclusivamente sulle spalle di lavoratori e pensionati, con
ulteriori modifiche dei requisiti di accesso alle pensioni (di vecchiaia e anzianità) e con il mancato
adeguamento all’inflazione delle pensioni già in essere.
Inoltre le misure che la CISL ha sostenuto per garantire l’equità (imposta patrimoniale, taglio ai costi della
politica, lotta più incisiva all’evasione fiscale) non sono state prese in considerazione da questo Governo.
Infine, dal punto di vista del metodo, il Governo non ha dato spazio ad una discussione vera con le parti
sociali, che avrebbe permesso di trovare soluzioni condivise per il risanamento dei conti, ma si è limitato ad
illustrare i provvedimenti già decisi senza tener conto dell’opinione di chi rappresenta i lavoratori e i
pensionati.
Per questo motivo la CISL di Vicenza dà un giudizio fortemente negativo sui provvedimenti che sono stati
annunciati, e proclama lo stato di mobilitazione; nei prossimi giorni verranno decise iniziative sia a livello
nazionale che territoriale.
Oggi 5 dicembre alle 17 faremo un primo presidio di protesta di fronte alla Prefettura di Vicenza, perché
arrivi al Governo fin da subito la protesta dei lavoratori e dei pensionati della nostra provincia.
Invitiamo pertanto tutte le strutture territoriali e aziendali a contribuire attivamente al successo di questa
prima iniziativa di mobilitazione.

PR: 0

Tags: , ,

Share This Post

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>