Socialize

RSS Feed

Creazzo. Interrogazione Consigliere Farinello: “Rotatoria invisibile!”


Di Annalisa
Consigliere Capogruppo
“Il Popolo di Creazzo”

“Abbiamo una …”rotatoria” che da Viale Torino permette di immettersi in Viale Italia anche girando a sinistra. Così detto sembrerebbe una buona cosa se non fosse per il fatto che chiamarla rotatoria è un eufemismo sia per le dimensioni microscopiche che per l’accesso a Viale Italia ingannevole e pericoloso, quasi invisibile di giorno e avvolto nelle tenebre alla sera.
E che dire di quella sorta di marciapiede-invito che invade parzialmente la carreggiata costringendo gli autisti a una pericolosa gincana?

Il compito primo di ogni Amministrazione nel settore viabilità è quello garantire la sicurezza e la maggior fruibilità della rete stradale a tutti i cittadini, l’obiettivo non è certamente stato raggiunto nel caso specifico.
Il notevole disagio e la preoccupazione per incidenti è una realtà e ci si chiede come sia possibile mettere in atto un’opera che pesa economicamente sul già magro bilancio comunale senza considerare quello che innumerevoli cittadini, sicuramente non esperti di viabilità ma dotati del buon senso comune, hanno notato fin dall’inizio.

Chiediamo al Sindaco di voler riconsiderare l’opera alla luce dell’evidente diversit‡ di un progetto che sulla carta presentava certamente la sua validità e che nel concreto sta dimostrando la sua inefficienza mancando dei requisiti della sicurezza diritto inalienabile dei nostri cittadini.
Sarebbe imperdonabile che quanto stiamo chiedendo fosse preso in esame solamente dopo che incidenti con danni a persone e cose diventasse un dato di fatto.

PR: 0

Tags: , ,

Share This Post

7 Responses to Creazzo. Interrogazione Consigliere Farinello: “Rotatoria invisibile!”

  1. freekamel

    11 dicembre 2011 at 22:21

    Trovo invece che l’opera sia utile.Le persone che transitano devono sapere che in centro a
    Creazzo si deve rallentare o devono cambiare strada…non ci deve essere alternativa.
    Inoltre la rotatoria evita che gli automobilisti gironi a sinistra o vadano diritti a discapito del precedente divieto.Sono ben altre ora le rotatorie pericolose,vedi per esempio quella in via degli Alpini che non è nemmeno costruita e dei cartelli che dire se non malmessi…

  2. Banjo

    13 dicembre 2011 at 09:04

    “Le persone che transitano devono sapere che in centro a Creazzo si deve rallentare”… sì per l’appunto. Una volta che lo sanno non c’è più il problema. Una volta fatto l’incidente a causa di questa ridicola rotatoria che NON SI VEDE.
    Oppure una volta tagliate le gomme sul marciapiede IN MEZZO ALLA STRADA.
    Non passano solo residenti a Creazzo in viale Italia.

  3. daniele

    13 dicembre 2011 at 14:43

    Ma se non ci passa nemmeno il bus? crea inutile traffico perchè è impossibile non rallentare e creare code, in più manca di illuminazione a terra poichè si confonde con l’asfalto. Ricorda tanto un bel dosso circolare che prima o poi farà morire qualcuno che non lo vede! complimenti amministrazione!

  4. Banjo

    14 dicembre 2011 at 12:20

    Esatto, nonostante l’opera faccia funzionalmente pietà, un po’ di buon senso avrebbe previsto almeno l’illuminazione a terra (che sarebbe necessaria anche di giorno, vista la sostanziale invisibilità del dosso – alla faccia del risparmio energetico poi – ma questa è un’altra questione).
    Un palo centrale con illuminazione mi sa che non permetterebbe ai camion di manovrare.
    E’ interessante notare come la porzione di marciapiede costruita in mezzo alla strada (!) sia già giocoforza ben imbrattata dalla gomma nera degli pneumatici di varie auto.
    Vedremo se ci saranno incidenti – anche se presumibilmente non gravi – cmq. secondo me il progettista dell’opera dev’essere stato… un carozziere!
    😉

  5. Banjo

    20 dicembre 2011 at 14:52

    Leggo dal periodico “Creazzo Oggi”, Dicembre 2011, pag.6:
    L’intervento (si parla del *singolo* intervento di realizzazione della rotatoria, ndr)persegue cinque finalità di progetto:

    1.la MESSA IN SICUREZZA di un’intersezione (…omissis…);

    2.la RAZIONALIZZAZIONE della stessa (…omissis…);

    3.la moderazione della velocità di traffico (…omissis…);

    4. (di nuovo) la MESSA IN SICUREZZA (…omissis…) degli attraversamenti ciclo-pedonali (…omissis…);

    5.l’ampliamento complessivo degli SPAZI VERDI (un metro quadrato? ndr.) e pavimentati destinati al ciclo-pedone.
    ——————————
    Intanto hanno fatto un grosso punto bianco in “cima” alla “rotatoria”, in vista del Natale l’hanno contornata di coni, e hanno verniciato pure di bianco i cordoli dei marciapiedi sporgenti dove le ruote delle auto finivano tagliate. Ieri scontro auto-autobus! A 3 km/h! Obiettivo 3 raggiunto! 1 su 5, una buona media, direi…!

  6. Francesco

    30 dicembre 2011 at 10:35

    La sistemeranno quando sarà troppo tardi. Come sempre succede. Nessuno rallenta e le strisce pedonali sono imminenti ad uscita rotatoria con scarsa, scarsissima visibilità notturna.
    L’opera di un folle

  7. giuseppe rigoni

    23 marzo 2012 at 19:44

    L’opera va rifatta a spese del sindaco, perchè ha dimostrato di soffrire di miopia congenita, evitando di espropriare delle piccole parcelle agli angoli del crocevia, si sarebbe potuto fare una rotonda vera, ma si sa il clientelismo politico della lega…. apoggiato dai Camerati, usa il danaro pubblico per intralciare il traffico con soluzioni della viabilita a dir poco astruse, a me piace la pianticella messa ultimamente in viale carpaneda in mezzo alla strada, sembra messa li per una notte di nebbia……… E IO PAGO…

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>