Socialize

RSS Feed

Padova. 90enne lascia tutti i suoi averi a badante. Il nipote fa riesumare la salma.


(Adnkronos/Ign) – Giallo per la morte di un’anziana e per un testamento stilato pochi giorni prima a favore della badante romena. Accade a San Bortolo di Monselice dove il decesso di Antonietta Martinengo, morta a 90 anni nella sua casa l’11 luglio scorso, e l’inaspettato lascito hanno insospettito un nipote della defunta, in passato erede designato, che si è rivolto alla magistratura chiedendo e ottenedo la riesumazione del corpo e l’autopsiaSecondo quanto riporta oggi ‘Il Gazzettino’, la badante, di nazionalità romena, sposata con un italiano, ha scoperto il corpo dell’anziana la mattina dell’11 luglio e dato subito l’allarme ai familiari. Vedova da molti anni, la 90enne non aveva figli o altri parenti stretti, ad eccezione di alcuni nipoti, residenti in vari comuni della provincia che alla notizia sono subito accorsi. I funerali si sono svolti due giorni dopo il decesso. Durante la funzione, la badante avrebbe rivelato ai nipoti di essere stata inclusa pochi giorni prima nel testamento dell’anziana, ricevendo in eredità alcuni terreni e diverse migliaia di euro in contanti.
I nipoti sono rimasti sconcertati nell’apprendere una simile notizia. Pochi anni prima infatti, la zia, unica proprietaria dell’abitazione di via Gambarare e di vasti terreni agricoli, aveva steso il proprio testamento alla presenza del notaio lasciando ogni avere ai nipoti. A rendere ancora più sospetta la situazione, il fatto che la 90enne non avesse particolari problemi di salute e che pochi giorni prima della morte, la badante aveva comunicato la propria decisione di licenziarsi
Così, un nipote ha deciso di presentare un esposto alla Procura della Repubblica di Padova il 18 luglio scorso chiedendo che venisse effettuata un’autopsia sul corpo dell’anziana per verificare le cause della morte. Una richiesta accolta dal pm Roberto Dini, che ha disposto la riesumazione della salma. Il risultato dell’autopsia si dovrebbe sapere nel giro di pochi giorni. Al momento non ci sarebbe alcun iscritto nel registro degli indagati.

PR: 0

Tags: , ,

Share This Post

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>